... diario

Il nostro diario, contenitore di parole, immagini, suoni, e sensazioni...


25/04/2017 - Resistere sempre, comunque e dovunque...

... non bisogna mai smettere di "Resistere": buon 25 aprile a tutti, nessuno escluso (Nife)

25 aprile Fenoglio

 

23/01/2017 - 12 anni e nuovi progetti...

Ebbene sì: sono 12 anni che i FermoImmagine esistono.
12 anni.
Sono davvero tanti, e chi lo avrebbe mai detto?
I primi progetti in cui ho suonato hanno avuto una durata massima di un paio d'anni, e anche meno.
Quando nell'ormai lontano 2005 abbiamo cominciato con questo nome forse non pensavamo di durare così tanto, o più probabilmente non c'eravamo posti il problema.
Semplicemente ci interessava continuare a suonare, e il forte desiderio di scrivere canzoni mie è sempre stato un forte incentivo ad andare avanti.
Inizialmente abbiamo fatto anche qualche cover ma completamente stravolte, eseguite alla nostra maniera.
Suonare davanti ad un pubblico mi fa sentire bene, e soprattutto vivo: ogni volta è un'esperienza nuova, unica ed emozionante.
Certo non va sempre come ti aspetti ma non ci siamo mai fermati.
La strada è parecchio difficile per chi vuole suonare la propria musica, lo sappiamo bene dopo tanti anni di esperienza.
Non ci siamo mai scoraggiati, la nostra è vera passione e ci divertiamo.
Ci è sempre interessato trovare più date possibili e creare un progetto che fosse credibile, fatto con professionalità.
I primi tempi siamo andati per conto nostro, pochi ci hanno dato il supporto tecnico di cui avevamo bisogno.
Con i FermoImmagine mi sono occupato anche della parte elettronica, cosa che non avevo fatto fino a quel momento.
E' stato un percorso impegnativo, ho imparato moltissime cose su come scrivere canzoni e suonarle, ma c'è ancora tanta strada da fare.
Non abbiamo mai avuto la smania di sfornare dischi a ripetizione: il primo demo lo abbiamo fatto solo nel 2008 e il primo disco "Foto Ricordo" è uscito solo nel 2012.
Troppo lenti?
Forse... ma ci va bene così.
Non dimentichiamo anche un fattore determinante: i nostri impegni lavorativi non consentono di dedicarci a tempo pieno ai FermoImmagine.
C'é chi ha detto che da un progetto così longevo ci si aspetta di più rispetto a quello che stiamo suonando ora...
Bah, ognuno ha la sua storia e non dobbiamo rendere conto a nessuno, facciamo quello che ci va e in base ai nostri impegni personali.
Il resto è solo aria fritta, pregiudizi di gente con la puzza sotto il naso.
E' indubbio che con l'uscita del nostro secondo disco "Frammenti" abbiamo fatto un importante salto di qualità, e di questo non possiamo far altro che ringraziare Lorenzo Montanà e Gianluca Lo Presti.
Importante è stato anche il supporto di Macramé: senza la promozione di Luca Baracchetti e Corrado Maffioletti il nostro disco non avrebbe avuto l'attenzione che ha avuto, girato in così tante radio e non avremmo tutti i contatti attuali.
Tuttto questo per arrivare a parlare di questo 2017 che sarà pieno di novità.
Prima di tutto possiamo anticiparvi che abbiamo scritto una nuova canzone, più precisamente abbiamo "rifatto" alla nostra maniera un pezzo non nostro.
Per ora non possiamo dirvi altro, solo che farà parte di un progetto più grande, e qualcuno ha già detto che è la cosa migliore che abbiamo realizzato (... e su questo mi trovo piuttosto d'accordo).
Questo sta a dimostrare che la nostra crescita artistica continua.
Altra cosa importante: proprio quest'anno ho intenzione di scrivere i nuovi pezzi per il prossimo disco, ho già qualcosa su cui lavorare.
Ci vorrà ancora del tempo, ma sono ottimista e una volta preso il ritmo le canzoni arriveranno da sole, non ci vorrà così tanto.
Intanto nuove date sono in arrivo, alcune già confermate.
Avevo già annunciato alcuni cambiamenti importanti come un eventuale batterista da provare, sicuramente ci darebbe quel qualcosa in più a livello di live.
Potrebbero esserci altri inserimenti in una prossima registrazione in studio: vorrei tanto un violino e una piano, e magari un'altra voce...
Staremo a vedere, c'è già tanta carne al fuoco, ormai lo sapete che non ci piace correre... (Nife)


 

02/11/2016 - Stasi e cose da fare...

E' decisamente un momento di stasi per noi FermoImmagine.
Abbiamo molti più contatti di prima, il nostro secondo disco "Frammenti" ha portato buoni risultati prima di tutto a livello di promozione e pubblicità, e poi anche come concerti.
Ma in questo momento siamo piuttosto fermi.
Aspetto sempre le solite conferme per date che tardano ad arrivare.
E intanto che facciamo?
Proviamo come sempre, e pensiamo ad altre soluzioni.
Dovrei cominciare a scrivere nuove canzoni e definire meglio il suono che vorrei dare ad un eventuale disco.
Se mai si farà qualcosa vorrei che fosse diverso da "Frammenti", non avrebbe senso fare la fotocopia di qualcosa che è stato già fatto.
Meno elettro-wave anni 80, più contemporaneità e maggiore personalizzazione.
Non voglio più essere etichettato in maniera scontata e banale, non sopporto di essere rinchiuso in un genere che oramai mi sta stretto.
Il passato è passato, è ora di fare altro.
Ho solo il dubbio se sia questo il momento giusto per cominciare a scrivere nuove canzoni.
E' impegnativo ricominciare da capo, rimettersi in gioco.
E' già qualche mese in cui mi sento piuttosto scarico, sono stanco sia fisicamente che mentalmente.
Il tempo libero è davvero poco, mentre ci vorrebbe molto più spazio per potersi muovere nella giusta direzione.
Non so, ho tante cose per la testa ma nello stesso momento sono piuttosto perplesso e confuso.
Forse è semplicemente stanchezza.
Devo darmi una mossa, credo mi servirà per trovare le giuste energie di cui ho bisogno.
A volte mi domando come fanno tanti colleghi a scrivere continuamente nuove canzoni, fare sempre dischi nuovi e video senza sosta, trovare date su date...
Non riesco a mantanere questi ritmi, sono un uomo d'altri tempi.
Novembre si fa sentire, si vede dal tono con cui scrivo questo diario... (Nife)

 

13/05/2016 - Bilanci e idee per il futuro...

Siamo arrivati a metà maggio e quasi a metà di questo 2016 che è iniziato piuttosto bene per noi FermoImmagine.
Ancora diverse interviste, recensioni positive, passaggi radio e altre date live.
Ma andiamo nel dettaglio: abbiamo iniziato il nuovo anno con un'intervista via web su MusicTraks che già aveva scritto una buona recensione sul nostro "Frammenti"; siamo stati ospiti a "Rockwave" su Radio Blu Veneto, abbiamo suonato e siamo stati intervistati dal bravissimo Maurizio Calzavara; abbiamo suonato al Faboo Studio, un grazie enorme a Luca e Marco del Paint it Black Party, nostri amici e autentici sostenitori; ancora un'intervista web su Vivalowcost, ringraziamo il gentilissimo Antonio Gi; la bella intervista radiofonica su OkRadio, grazie davvero alla brava e professionale Sofia D'Esposito; il nostro primo concerto nelle marche, precisamente al Circolo Arci "La Serra" di Recanati, li ringraziamo tanto per l'ottima ospitalità; il nostro ritorno al Mataluna, il locale che è un po' casa nostra, ci siamo divertiti ed è stato bello rivedere la nostra amica Elisa, storica fan dei FermoImmagine; il bel mini festival organizzato al Moog di Ravenna insieme a Gianluca Lo Presti, Caron Dimonio e XTR Human, tanta bella musica in ottima compagnia; l'ultima intervista radiofonica fatta a "Easy Pop" su Radio Città Fujiko, anche qui abbiamo suonato un paio di pezzi e passato un piacevole pomeriggio in compagnia di Franco Paoletti e Bolognese Volante.
Ma non finisce qui.
Altre novità sono in arrivo, stiamo aspettando diverse conferme.
Ci vuole molta pazienza e determinazione perché essere manager di se stessi non è affatto facile.
Come ho già detto in qualche post precedente con "Frammenti" abbiamo fatto un importante salto di qualità, e ne siamo ancora più convinti quando ci dicono che suonato dal vivo il nostro disco è ancora più bello.
Ma non tutti hanno capito "Frammenti".
O semplicemente non l'hanno ascoltato con la dovuta attenzione e si sono limitati a liquidarlo con le solite frasi fatte come "musica di matrice wave anni 80 che non aggiunge nulla di nuovo" o "ripropongono la musica di Soerba e Bluvertigo" (come se avessero suonato solo loro in Italia...).
Si sa che non si possono avere solo pareri positivi e sinceramente non mi interessa affatto accontentare tutti, sarebbe stupido pensare ciò.
Ho solo constatato la superficialità di molte critiche fatte da fantomatici adetti ai lavori.
Chi ha ascoltato bene il nostro disco ha potuto cogliere quello che c'è dietro: i riferimenti alla new wave ed electro anni 80 ci sono di sicuro, ma non solo. Sono stati apprezzati i testi, il lavoro sul cantato meno impostato e più interpretato, il modo di suonare chitarra e basso, le stesse basi elettroniche più efficaci a livello di arrangiamenti e suoni.
Ma soprattutto una cosa: la ricerca verso una musica più leggera, più vicina alla forma canzone, più pop.
Il nostro percorso è questo: la new wave e gli anni 80 saranno sempre meno presenti perché stiamo cercando di caratterizzare maggiormente la nostra identità, vogliamo staccarci sempre più da certi schemi.
Non ci interessa fare musica di genere o di nicchia, vogliamo crescere e cambiare, non si possono fare sempre le stesse cose.
Vogliamo essere contemporanei.
Ma non solo con la forma "canzone": in mezzo a tutto questo ci potrebbe essere spazio per qualcosa di più sperimentale e destrutturato.
Poi un altro aspetto che mi è stato sempre a cuore: aggiungere un terzo elemento al progetto FermoImmagine. Penso soprattutto ad un batterista, che darebbe maggior forza ed impatto al nostro live in modo da avere sempre meno base elettronica.
Queste sono un po' di idee per il prossimo futuro per un eventuale disco che (forse) potrebbe esserci, ma sicuramente non a breve.
Aspetteremo un bel po' prima di fare qualcosa di nuovo, "Frammenti" ha ancora molto da dire.
Non ho mai capito la frenesia di tanti gruppi musicali che appena finito un disco e fatte un po' di date cominciano a registrare un nuovo lavoro.
E' proprio tutta questa iper-produttività che sta rovinando la musica e non fa altro che alimentare confusione e rumore di fondo.
Credo sia necessario prendersi un po' di tempo per realizzare un disco diverso dal precedente, elaborare bene quanto fatto prima per riuscire a compiere un ulteriore passo in avanti.
Vale la pena aspettare per produrre qualcosa che possa lasciare il segno.
E poi non dimentichiamo un altro aspetto non da poco: fare un disco costa parecchi soldi, comporta un bell'investimento e questo stride fortemente con quello che poi si raccoglie.
Dal punto di vista economico è un'attività a perdere, non si rientra affatto nelle spese.
Mi fanno pena quelli che vogliono scaricare musica gratis, non hanno la minima idea di cosa voglia dire fare un disco, quanto costa a livello di soldi, quanta dedizione ed energia comporta tutto questo.
Ma per la musica si fa questo ed altro ancora.
Negli ultimi mesi abbiamo conosciuto tanti nuovi amici che ci seguono e danno il loro sostegno.
Per questo dobbiamo ringraziare ancora una volta Luca Baracchetti e Corrado Maffioletti di Macramè, senza il loro lavoro di promozione non avremmo mai potuto raccogliere simili risultati.
Purtroppo c'è chi ancora non prende troppo sul serio quello che facciamo e continua ad avere i soliti pregiudizi.
Ma è anche vera una cosa: i nostri pezzi hanno girato in tantissime radio indipendenti, evidentemente sono piaciuti.
Questo al di là di pregiudizi, amicizie, favori o intrallazzi di qualsiasi tipo.
E questo ci basta.
Sia chiaro, non sono qui per lamentarmi ma solo per condividere in maniera semplice e spontanea quello che ho vissuto in questi mesi con l'uscita del nostro secondo disco "Frammenti".
Non crediamo affatto di essere dei fenomeni e neanche di aver registrato chissà quale capolavoro.
C'è ancora tanto da fare e lo sappiamo bene, abbiamo avuto sempre un atteggiamento di autentica umiltà.
Ecco, i FermoImmagine posso essere definiti con quattro parole : divertimento, serietà, passione ed umiltà... (Nife)

 

25/04/2016 - Festa della Liberazione...


 

01/01/2016 - Nuovo anno e ringraziamenti...

E anche il 2015 è passato.
E' stato un anno decisamente importante per noi FermoImmagine.
E' uscito il nostro secondo disco "Frammenti" che ci sta dando tante soddisfazioni: le numerosi recensioni positive tra cui anche quella prestigiosa di Blow Up; lo streaming su Rockerilla; i passaggi in tante radio d'Italia di alcune nostre canzoni, le diverse interviste già fatte e che faremo ancora; la realizzazione del primo video Pugile e le numerose segnalazioni e che ha ricevuto; i primi live, a partire da quello al Mikasa insieme ai mitici Delenda Noia per passare al bellissimo concerto di presentazione al Caffè27 con tanti amici che ci hanno accolto in modo caloroso e festoso...
E' stato tutto molto bello, e siamo solo all'inizio, c'é ancora tanto da fare.
Non voglio aggiungere molto altro, semplicemente dire che gli ultimi due anni sono stati molto impegnativi sotto tutti i punti di vista ma finalmente stiamo raccogliendo quello che penso ci meritiamo.
L'impegno è stato massimo, ed è proprio questo che ha fatto la differenza.
Lavorare su noi stessi così tanto ci sta portando a raggiungere traguardi che forse non pensavamo veramente.
Voglio ringraziare tutti: Elena che mi sostiene sempre; Gianluca Lo Presti e Lorenzo Montanà che hanno creduto nel nostro progetto, insieme abbiamo raggiunto un bel risultato; Luca Baracchetti e Corrado Maffioletti di Macramé che ci accompagnano in questa nuova avventura, grazie al loro lavoro stiamo arrivando dove non pensavamo; Nicolas Xabaras Galeotti, Alessandra Rontini, Denis Guerrini, le famiglie Galeotti e Rontini per la realizzazione del video e per il forte sostegno; Sofia Vicchi per le belle foto che ci ha fatto; Giuseppe Lo Bue per averci portato al Mikasa e i Delenda Noia per aver diviso con noi una bella serata di musica dal vivo; Ali per aver organizzato la bella serata di presentazione al Caffé27; Luigi Bertaccini per la bella recesione, per il sostegno che ha dato e che continua a dare al nostro progetto; Yes We Radio, Jean Luc Stote di Radio Onda d'Urto, David Piluti di Miniwebradio per le belle interviste e David Drago di Novaradio Città Futura per la bella chiacchierata e per aver inserito un nostro pezzo nella sua compilations invernale; a tutte quelle radio che hanno trasmesso i nostri brani e a quelli che hanno scritto belle recensioni sul nostro disco e speso belle parole nei nostri confronti.
Grazie a tutti quelli che ci hanno sempre sostenuto e continuano a seguerci, e a quelli che ancora non ci conoscono ma che avranno l'occasione di sentirci per la prima volta... (Nife)

caffé27
volantino caffé27

 

20/11/2015 - Rockerilla, Blow UP, radio e "Frammenti"...

Stanno succendo davvero tante cose in questo periodo.
Ma andiamo con ordine.
C'é stata la prima data che di fatto ha anticipato l'uscita di "Frammenti", il nostro nuovo disco.
Abbiamo aperto il concerto dei Delenda Noia al Mikasa di Bologna, il 24 ottobre scorso.
E' stata una gran bella serata, c'erano tanti amici e abbiamo suonato bene.
Era la prima volta che eseguivamo i pezzi nuovi dal vivo: non tutti i brani, solo 6.
Ma anche con solo mezz'ora di concerto abbiamo capito che i pezzi girano bene, il live dei FermoImmagine ha funzionato.
E' stato un piacere conoscere i Delenda Noia, persone tranquille e squisite, molto disponibili e soprattutto bravi musicisti, il loro live ha spaccato.
Ringrazio i nostri produttori Gianluca Lo Presti e Lorenzo Montanà per essere venuti a sentirci, le loro belle parole confermano la bontà delle tante prove fatte nei mesi scorsi.
Grazie anche a Giuseppe Lo Bue dei Caron Dimonio per averci invitato a partecipare a questa bella serata.
Abbiamo conosciuto anche i Dade City Days, è da un po' di mesi che ci sostengono via internet e parlarci di persona è stata una bella sorpresa, sono la prova di quanto sia importante il sostegno tra colleghi.
Poi c'è sta l'uscita del video "Pugile", il nostro primo singolo.
La regia è di Nicolas Galeotti.
Ne avevo già parlato, e continua a girare piuttosto bene.
E' stato segnalato su quasi una ventina di siti diversi, e attualmente ha superato le 700 visualizzazioni in tre settimane.
Nel frattempo "Pugile" e altri pezzi stanno cominciando a girare in almeno una decina di radio in tutta Italia, e presto verremo intervistati.
Sono arrivate anche le prime recensioni: ne conto almeno una decina, e tutte positive.
In particolare voglio ricordare alcuni nomi: Blow Up, e20romagna.it, rockon.it e storiadellamusica.it
Poi siamo andati in streaming su Rockerilla: un passo davvero importante per noi.
Essere on-line su un sito dal nome così prestigioso ci inorgoglisce più che mai.
E arriviamo a oggi 20 novembre 2015: l'uscita di "Frammenti".
Sembra ieri che abbiamo cominciato a registrare il primo pezzo "La Gabbia".
Ed invece sono passati due lunghi anni di scrittura dei pezzi, prove e registrazioni, contatti e pianificazioni, preparazione del disco e della sua promozione.
Alla fine ce l'abbiamo fatta, l'emozione è tanta come tanta è la strada che abbiamo fatto.
C'é ancora molto da fare, e in questo i ragazzi di Macramé ci stanno aiutando tantissimo, non possiamo far altro che ringraziarli.
Ora tocca solo a noi: suonare il più possibile e far sentire la nostra musica... (Nife)

 

09/11/2015 - La copertina del nuovo disco "Frammenti"...

Questa che vedete qui di sotto è la copertina di "Frammenti", il secondo disco dei FermoImmagine che uscirà il prossimo 20 novembre.
Rappresenta un'anima, un corpo leggero, etereo, quasi inconsistente.
Un soggetto molto diverso rispetto a quello del primo disco: trasmette una maggiore apertura e leggerezza di "Foto Ricordo", il primo disco.
"Foto Ricordo" è più freddo, rigido, impostato.
E anche la sua copertina comunica questo.
"Frammenti" non lo è, o almeno abbiamo cercato di lavorare sulla leggerezza, di avvicinarci di più a una forma di canzone cantautoriale e pop, più personale e meno wave ed electro anni 80.
Lo sfondo bianco sottolinea il lato più solare di questo disco, come una luce che fa da cornice a questo corpo appena accennato.
Il retro del disco è nero, come un negativo della copertina.
Sta a sottolineare il dualismo che permea "Frammenti": dalle canzoni, dalla scelta del bianco e nero, dai colori complementari presenti nel libretto interno del disco, dal fatto che i FermoImmagine sono un duo, ecc...
E' una copertina che rappresenta un cambiamento importante, un'evoluzione necessaria, un'esigenza personale.
Che speriamo di aver raggiunto... (Nife)

copertina Frammenti

 

29/10/2015 - "Pugile", il nuovo video dei FermoImmagine...

Ripenso a quella domenica in cui abbiamo girato tutte le scene del video: 27 settembre 2015.
Una data importante, da ricordare per noi FermoImmagine e per chi ha collaborato alla realizzazione di questo piccolo film musicato.
E' stata un'esperienza intensa, impegnativa.
E non solo quel giorno.
Io e Nicolas ci siamo ritrovarti diverse volte per sistemare e mettere a posto il tutto.
Ci siamo sempre confrontati, soprattutto con Luca e Corrado di Macramé che hanno dato alcuni consigli utili.
Non ci siamo mai fermati, abbiamo ripreso in mano il video, visto e rivisto, smontato e rimontato, corretto scene, curato ogni piccolo dettaglio.
E' passato praticamente un mese e finalmente è on-line.
Abbiamo fatto del nostro meglio, il tempo era poco ma il risultato ci soddisfa appieno.
E' un lavoro "corale", per questo mi sento di ringraziare tutti:
Denis Guerrini, il bravissimo attore protagonista, una persona squisita; Alberto Rontini, un credibilissimo capo ufficio bastardo, un vera sorpresa; Alessandra Rontini per l'acquisto di materiale utile al video, per l'interpretazione della presenza "bianca" e per i dolcetti serali; Riccardo Rontini, per aver interpretato una imponente presenza "nera", un autentico "Nazgul"; Mirko Ravaioli per essere arrivato alle riprese finali nonostante il lungo viaggio di ritorno a casa fatto il giorno stesso; Filippo Rontini, Anna Gaddoni e Famiglia per l'ospitalità, il buon pranzo e la location di "Palloncini Rontini" (Castel Bolognese, RA).
Grazie a tutti di cuore, e buona visione... (Nife)

video_pugile.jpg

 

21/10/2015 - Nuovo disco e primo concerto...

Sono successe davvero tante cose dall'ultima volta che ho scritto su questo diario.
A novembre esce il nuovo disco dei FermoImmagine, ormai manca poco ma quanto lavoro è stato fatto.
A fine aprile di quest'anno avevamo il master definitivo e tante cose ancora dovevano essere decise.
Stavamo iniziando a provare i pezzi del nuovo disco e dovevamo trovare qualcuno che ci aiutasse a promuovere quello che crediamo un bel lavoro.
Sembrava di aver avuto un buon contatto quando dopo più di mese veniamo a sapere che non se ne fa più nulla.
A giugno siamo ancora "soli".
Mi do da fare e contatto, chiedo consigli, mi informo.
Tutto questo mi porta a contattare i ragazzi di Macramé.
La loro risposta è stata pressochè immediata, e si dimostrano interessati ad ascoltare il nostro disco.
Gli mando il materiale e si prendono qualche giorno per ascoltare attentamente le nostre canzoni prima di darci una risposta definitiva.
Dopo circa una settimana mi ricontattano: arriva una bella mail, una vera e propria recensione completa e soprattutto positiva.
Il disco è piaciuto sul serio, da tutti i punti di vista.
Ci risentiamo ancora per chiarire e definire alcuni aspetti.
Siamo a fine luglio e c'è da fare ancora tutta la grafica del disco, la copertina ecc.
E' un lavoro che mi impegna buona parte di agosto, il tempo libero è poco ma bisogna far presto.
Siamo a settembre, il disco è andato in stampa e ci sono da preparare un po' di cose che servono ai ragazzi di Macramè: nuove foto (realizzate da Sofia Vicchi), un po' di presentazione, i testi, gli mp3 ecc.
Si crea una bella sintonia e ci sentiamo tutti i giorni su cosa cosa serve e cosa no.
Per ultimo la realizzazione del video con Nicolas Xabaras Galeotti: abbiamo fatto le riprese il giorno 27 settembre.
I tempi sono sempre più stretti e ci siamo impegnati per fare un bel lavoro, credibile e professionale, che trasmetta al meglio le intenzioni del singolo.
A breve il video sarà on-line.
Sabato prossimo arriva la prima data: apriremo il concerto dei Delenda Noia al Mikasa di Bologna.
Ci aspettiamo una bella situazione, con tanti amici e un bel pubblico a cui far ascoltare alcuni brani tratti dal nostro disco.
Sarà emozionante ed intenso.
Come intensi e impegnativi sono stati anche questi ultimi mesi.
E soprattutto belli perchè abbiamo lavorato con tanta passione ad un disco in cui crediamo veramente.
Con una differenza importante: non siamo mai stati soli, c'è sempre stato un lavoro di squadra, e questo si sente... (Nife)

FermoImmagine_Frammenti

 

25/04/2015 - Resistenza e solitudine...

... "Quando dici che finirà, patriota?" del 25/04/1998 è stato il primo spettacolo musical-teatrale degli Altrocanto ed è anche stata la mia prima esibizione da musicante davanti ad un pubblico.
Allora ero assolutamente inesperto ed emozionatissimo, ma sicuramente fu un battesimo di fuoco in un giorno importante come quello della Festa della Liberazione.
Sono fiero di poterlo ricordare, è un momento fondamentale della mia vita che mi ha cambiato per sempre, da allora ho capito che la mia strada era quella di continuare a cantare e suonare.
Ora più che mai rivendico questo inizio soprattutto in questo 25 aprile 2015 per nulla tranquillo, quasi doloroso nel constatare che nelle difficoltà ci si ritrova da soli contro tutti o quasi...
Buon 25 aprile a chi resiste e a chi no, a chi ci crede e anche a chi non la pensa allo stesso modo... (Nife)

Cà di Malanca - Altrocanto, luglio 1998

 

30/12/2014 - Anno di decisioni e cambiamenti...

Il 2014 è stato un anno di cambiamenti e decisioni importanti, anche personali.
Un anno in cui abbiamo suonato davvero poco davanti ad un pubblico, in cui abbiamo preso tempo e spazio per riflettere e iniziare un nuovo corso.
Un lungo e lento processo di cambiamento già iniziato con la registrazione del primo pezzo nel novembre del 2013 con Gianluca Lo Presti/Nevica su Quattropuntozero e Lorenzo Montanà.
Un inizio timoroso ma sorprendente, da quella prima esperienza abbiamo cominciato a crescere.
E' stato un anno di studio, personalmente è stato il periodo in cui ho imparato di più su come si scrive un testo e come si compone una canzone.
Una vera scuola per tutti e due, che ci ha permesso di lasciare alle spalle vecchi schemi mentali che probabilmente non ci permettevano di esprimere al meglio la nostra musica.
E' stata davvero dura, i primi mesi ero bloccato, non sapevo come partire.
In una sola registrazione avevo già avuto tante informazioni utili per proporre nuove canzoni, il difficile era passare alla pratica.
La cosa più impegnativa è stata quella di riprendere pezzi vecchi che non erano piaciuti e rifarli per renderli più efficaci.
Ho dovuto lavorare tanto sulla scrittura dei testi, sul cantato, sugli arranggiamenti e sulla scelta dei suoni.
Ho registrato più volte finchè non sono riuscito a proporre un pezzo interessante che puntualmente veniva rifatto e registrato in studio a otto mani.
Solo a maggio abbiamo ripreso a lavorare con una certa costanza, da allora quasi ogni mese ci siamo trovati con una nuova canzone da finalizzare.
Desideravo fortemente lavorare con altre persone, non volevo più fare tutto da solo come negli ultimi anni.
Volevo crescere, imparare da chi è più bravo e preparato di me.
Credo di essere riuscito a raggiungere questo obbiettivo, almeno lo spero, certo non sono io che devo dirlo.
Di sicuro il mio impegno è stato massimo, la mia dedizione totale tenendo conto del pochissimo tempo libero che ho a mia disposizione.
Sta per iniziare un nuovo anno, manca solo un brano e abbiamo finito di registrare il disco.
Sarà davvero un nuovo inizio?
Vedremo, ci stiamo già preparando per i live che speriamo saranno numerosi e coinvolgenti.
Mi domando come la potrei prendere se non dovesse andare come mi aspetto.
Non credo succederà chissà cosa, il mio intento era di fare un bel disco sotto tutti i punti di vista, curato in ogni dettaglio, che mi soddisfacesse e che non mi facesse avere nessun tipo di ripensamento su cosa si poteva o non si poteva fare.
In questo siamo stati bravi, ho imparato moltissimo e il risultato mi piace, già questo mi basta.
Non tutti la penseranno così ma questo già lo sappiamo, è una cosa che mettiamo in conto.
Si spera che con questo disco il progetto FermoImmagine riesca ad avere un po' più di attenzione, suoniamo da tanto tempo con questo nome e crediamo in quello che facciamo, è giusto aspettarsi qualcosa in più.
Non mi pento di nulla, più di così non si poteva fare.
Ci hanno detto che questo è una passo importante ma forse non è ancora il disco della maturità.
Forse è così, non lo so.
Se non dovesse andare "bene" forse potrei pensare di finirla qui, è tanto che porto avanti con convinzione questo progetto ma se si raccoglie poco e nulla non so quanto abbia senso continuare.
La cosa più bella è l'adrenalina prima del concerto, l'emozione del live, di chi non ti conosce e ti sta ascoltando per la prima volta, gli imprevisti, ecc ecc...
Tutte cose che mi fanno sentire vivo fino in fondo, non so come potrei farne a meno.
Ma è sempre più difficile, vuoi la crisi che influisce anche sulla musica, sui locali che non ti fanno suonare o che non ti rimborsano neanche le spese, vuoi per la poca attenzione di un pubblico sempre più esiguo, distratto e sempre più indifferente alla musica dal vivo...
Vorrei continuare, ma se non cambia nulla mi domando che senso abbia continuare con questa testardaggine, se ci credo solo io forse dovrei pensarci.
Magari potrei tornare a dipingere, è una cosa che ho tralasciato negli ultimi anni e mi manca tanto.
Non penso di avere molto talento, ho fatto quello che ho potuto, se non ho raccolto abbastanza è per colpa dei limiti che so di avere.
Finora ho suonato semplicemente perchè mi sento di farlo, mi piace troppo.
Ma non siamo più ragazzini, forse non basta più.
Non sono mai stato particolarmente bravo a farmi amici in questo ambito, tutti sono artisti fenomenali e sento sempre poca umiltà.
Al contrario sono sempre stato molto critico con me stesso e proprio per questo non sono mai riuscito a entrare in sintonia con nessuno.
Cerco di tenere sempre un profilo "basso" perchè non penso di avere chissà quale doti.
Forse sono troppo sincero e semplicemente me stesso, non recito una parte, non faccio il personaggio, sia in studio che dal vivo sono solo io, nel bene e nel male, è questo il mio limite più grande.
Non mi piace la parola "artista", non mi sento tale, ho qualcosa da dire e cerco di farlo nel modo migliore, almeno ci ho sempre provato.
Pago la mia timidezza e la mia poca "arroganza" che spesso aiuta ad ottenere risultati non sempre meritati...
Non sono un personaggio carismatico, sono uno tranquillo, fino a questo momento non mi ero posto il problema, forse avrei dovuto, non so...
Comunque vada sono contento di quello che ho fatto fino a questo momento, e ringrazio sinceramente dal più profondo del cuore quei pochi che ci hanno davvero sostenuto e che tutt'ora mi sopportano... (Nife)

 

15/10/2014 - Caldo, alluvioni, live e altri pezzi...

Metà ottobre.
Fa ancora caldo, forse perchè i mesi scorsi l'estate non è mai arrivata.
E intanto arrivano le così dette "bombe d'acqua".
Anche ieri, e stamattina presto.
Disastri, inondazioni dappertutto.
Non si capisce nulla, ma anche questa non è più una novità ormai, ci si sta abituando veramente a tutto.
Non so perchè sono partito dal clima, un po' come fanno i signori di una certa età che quando non sanno cosa dire attaccano a parlare delle condizioni atmosferiche.
Mi sa che sto invecchiando.
In realtà un po' di cose da dire ne ho sui FermoImmagine.
A breve ci troveremo con Nevica su Quattropuntozero/Gianluca e Lorenzo Montanà per registrare altri due brani per il disco in lavorazione.
Si procede a gonfie vele, ormai siamo a 3/4 dell'opera e realizzare nuove canzoni che siano in sintonia con quelle già fatte in precedenza diventa sempre più facile.
E' per me una grandissima soddisfazione, lo avevo già detto e lo ribadisco ancora: sto veramente imparando molto e non posso far altro che ringraziare Gianluca e Lorenzo.
Non è certo finita, devo ancora darmi da fare, mancano tre brani per arrivare concludere il tutto.
Nel frattempo si comincia a pensare quando e come uscire, si iniziano a provare le canzoni già registrate, sarà importante arrivare pronti al primo live del disco nuovo.
Non vogliamo trascurare nessun dettaglio, tutto deve essere fatto al massimo delle nostre possibilità.
Ormai siamo parte di una grande famiglia, forse per la prima volta non ci sentiamo più musicalmente isolati.
Stiamo conoscendo tante belle persone che come noi cercano di portare avanti la propria musica con convinzione, professionalità ed umiltà: Lorenzo Montanà e Nevica su Quattropuntozero, i nostri due attuali produttori già citati più volte in questo diario; Mirko MRK Ravaioli ha avuto modo di conoscere direttamente i mitici Delenda Noia, il mio socio ha detto che dal vivo spaccano di brutto, e sono due persone splendide; Emilio Albertoni che già conoscevamo e ora è tornato a suonare con Gianluca, ci siamo fatti delle belle chiacchierate, sempre molto bravo con la sua chitarra e non solo; i Caron Dimonio, coinvolgenti sul palco e disponibili al confronto, è stato un piacere conoscerli; ultimamente abbiamo condiviso una serata con i Kisses from Mars al Freakout di Bologna, molto bravi in quello che fanno, c'è un bel lavoro sui suoni, abbiamo scoperto di avere diverse conoscenze in comune, e hanno ascoltato la nostra esibizione con la massima attenzione.
Forse mi sto dimenticando di qualcuno, spero di no.
E' stimolante conoscere persone che in maniera diversa ma simile vivono la musica come la possiamo sentire noi.
Personalmente ho sempre creduto fortemente nello scambio di idee e nel confronto diretto, c'è sempre da imparare qualcosa dall'esperienza altrui, me ne sto accorgendo in questo ultimo anno.
Poco tempo fa siamo tornati a suonare dal vivo, un paio di date, una veramente brutta e inutile, l'altra bella e piacevole.
Come sempre a volte va bene, altre meno.
Suoneremo ancora prima della fine dell'anno?
Non so, forse, staremo a vedere... (Nife)

 

20/07/2014 - Estate tardiva e ancora lavori in corso...

Fa caldo.
E' la tipica domenica d'estate, siamo in pieno luglio.
Sarà una banalità ma fino ad una settimana fa ha continuato a piovere regolarmente, sembrava di essere tornati in autunno.
Ora sono qui che scrivo questo diario, nel balcone di casa mia: la campagna, fiori e piante, un venticello lieve, una pace tanto attesa dopo 6 giorni di lavoro e stress.
E' chiaro che quest'anno come FermoImmagine suoneremo pochissimo.
La crisi si fa sentire, ed è sempre più difficile trovare situazioni interessanti dove potersi esibire e proporre la propria proposta musicale.
Come ho già detto precedentemente non me ne preoccupo più di tanto: il 2014 è nel segno del rinnovamento, stiamo scrivendo nuovi pezzi in collaborazione con Gianluca Lopresti/Nevicasuquattropuntozero e Lorenzo Montanà, titolari della Discodada Records.
Abbiamo registrato tre brani, e presto ci troveremo per realizzarne un quarto.
Ho avuto una pausa creativa di qualche mese prima di capire come comporre e concepire una canzone che potesse funzionare.
E forse non ho ancora capito, ci sto lavorando.
Scrivere un testo "ispirato" e una musica "convincente" non è affatto facile: fino a poco tempo fa ero abituato a fare tutto da solo, di conseguenza era tutto più facile, avevo solo il mio punto di vista, e quello che facevo mi piaceva quasi sempre.
Ora non è così.
E' un vero e proprio gioco di squadra, e con Lorenzo e Gianluca sto imparando molto, stiamo lavorando bene insieme.
Sono soddisfatto dei brani fino a questo momento realizzati, e sono estremamente fiducioso per quelli futuri.
Abbiamo l'obiettivo di fare un bel disco, quello della svolta, che non ci farà avere alcun tipo di ripensamento.
Le canzoni realizzate fino a questo momento sono curate in ogni dettaglio, nulla è stato tralasciato: non ho mai scritto e riscritto così tanto il testo di una pezzo, stessa cosa per la composizione di strofe e ritornelli, arrangiamenti, ecc ecc...
E' difficile ma bellissimo, stimolante, è quello che cercavamo sia io che Mirko.
Insomma, dal punto di visto compositivo e di collaborazioni non possiamo lamentarci, abbiamo conosciuto le persone giuste al momento giusto.
Il tempo libero è davvero pochissimo e andiamo avanti a piccoli passi, ma con convizione e determinazione.
Un'ultima cosa prima di chiudere: ultimamente mi è stato consigliato di pubblicare online la risposta di un locale dove volevamo suonare.
Esprime bene la situazione attuale di come viene recepita la musica dal vivo in Italia.
A volte mi domando seriamente quanto abbia senso continuare in qualcosa che in generale non suscita molto interesse nel pubblico sempre più distratto e pigro.
La musica e soprattutto quella eseguita dal vivo in generale non ha più il fascino di prima, non smuove più gli animi e le coscenze, non è più vista come una forma di cultura ma solo come sfondo ad altro o intrattenimento leggero senza impegno.
Fare musica vuole dire sempre più spesso essere ignorati o suonare davanti a sale semi-vuote o piene di persone indifferenti, che se fai qualcosa di leggermente diverso dalla robaccia che passano in radio sei visto come un alieno.
Non credo di fare la vittima, semplicemente riferisco quello che vedo e che sento in prima persona.
Allora che senso ha continuare?
Prima di tutti per noi stessi, e per chi ancora ha la voglia e la volontà di essere attento anche a dei semi-sconosciuti come noi... (Nife)

 

25/04/2014 - Quando dici che finirà...

... patriota?

("Il partigiano Johnny" di Beppe Fenoglio)



 

18/04/2014 - Aprile e lavori in corso...

E' tanto che non scrivo qualcosa sul nostro diario e non è un caso se proprio ora mi accingo a farlo.
Già, perchè è aprile, un mese speciale per noi FermoImmagine, per la nostra musica, per la nostra piccola storia.
E' come una sorta di ricorrenza: in passato sono avvenuti diversi cambiamenti importanti, musicalmente parlando, proprio in questo periodo dell'anno, soprattutto per me.
Alcune date da ricordare: il mio primo concerto in assoluto, un lontanto 25 aprile 1998 con gli Altrocanto; il 12 aprile 2001, prima data ufficiale degli Hangar Praha; fine aprile 2012, l'uscita di Foto Ricordo primo disco ufficiale dei FermoImmagine...
Questi sono i passaggi più importanti, sicuramente ce ne sono stati altri non trascurabili...
E ora?
Quest'anno non ci saranno eventi eclatanti da ricordare, il 2014 è un anno di passaggio per noi FermoImmagine, che implica una maggiore concentrazione su noi stessi e sul nostro modo di essere.
Non siamo inattivi, tutt'altro.
Come ho già scritto in un post precedente stiamo lavorando a nuovi pezzi ma in maniera più approfondita e matura, vogliamo crescere e migliorarci sempre più, questa volta vogliamo davvero fare il salto di qualità.
Per questo stiamo collaborando con altre persone: siamo contenti di aver contattato Nevica su Quattropuntozero e Lorenzo Montanà, "La Gabbia" è il primo pezzo finito, ci piace molto, e a breve cominceremo la registrazione di un secondo brano...
Ma è anche un questione di parole, di testi, non solo di musica.
Anche qui ho deciso di mettermi in gioco e mi sto avvalendo della consulenza di Roberto Laghi, ex-batterista di Altrocanto e Hangar Praha, scrittore-giornalista-blogger ecc ecc...
E' molto bravo, preparato, lavora da sempre sulla scrittura, ed è anche un amico fidato, e le cose che non vanno bene me le stronca senza troppi problemi.
Non sono un gran scrittore, lo so.
Ma ho delle cose da dire, e con il suo aiuto spero di migliorare almeno un po' anche da questo punto di vista.
Concerti?
Il 22 febbraio scorso abbiamo suonato al Circolo Ribalta di Vignola: un posto che consiglio a tutti, l'accoglienza è stata davvero squisita, ci siamo sentiti a casa nostra, mangiato insieme e chiacchierato di tutto, sopratutto di musica.
Caso vuole che proprio quella sera suonavano a pochi km di distanza i Depeche Mode, uno dei miei principali riferimenti musicali, e con questo ho detto tutto.
Li abbiamo salutati idealmente con la nostra versione di Somebody, chissà se quella sera l'ha cantata anche Martin Gore...
Bel concerto, bella atmosfera, bella gente.
Solo qualche problema tecnico qua e là ma ce la siamo cavata come sempre, cose che capitano quando si suona dal vivo.
In questo momento non abbiamo date certe ma di questo non ce ne stiamo preoccupando più di tanto, abbiamo bisogno di concentrarci su noi stessi... (Nife)

 

13/11/2013 - Live e ... FermoImmagine 2.0?

Siamo a metà novembre e a livello di concerti live non è successo molto.
Precedentemente avevo già parlato di questo 2013 particolarmente sfortunato sotto questo punto di vista, ma non posso non citare la bella serata all'X-Ray Pub di Forlì, l'8 ottobre scorso.
Abbiamo suonato bene, eravamo concentrati e soprattutto motivati, era da un po' che non ci esibivamo dal vivo.
E' stata una bella serata tra amici, e qualche fans in più lo abbiamo acquistato.
Bella atmosfera, quelli del locale ci hanno trattato benissimo, ottima ospitalità.
Niente da dire anche sui suoni, l'acustica era molto buona e il palco anche troppo spazioso per noi.
Insomma, è stata una di quelle occasioni che ti fanno star bene e danno la carica per continuare a suonare, speriamentare e proporre il proprio progetto nonostante le tantissime difficoltà attuali.
Non c'era tantissimo pubblico, ma non è colpa di nessuno, è sempre un prenderci, soprattutto di questi tempi.
Quelli che ci ascoltano e ci seguono con attenzione danno tanta energia e la giusta motivazione, basta anche solo una persona che rimanga colpita da quello che fai sul palco.
L'ho sempre pensata così, non cambierò mai idea su questo punto.
A parte questo credo di poter dire che come FermoImmagine siamo ad un svolta decisamente importante del nostro cammino.
Già da un po' di tempo abbiamo contattato Gianluca Lo Presti (Nevica su Quattropuntozero) e Lorenzo Montanà, titolari della Disco Dada Records.
Gianluca ha collaborato con Blaine L. Reininger, Lorenzo con Pete Namlock, e dalla loro etichetta sono usciti nomi come Simona Gretchen e Delenda Noia, tanto per fare qualche esempio.
Siamo decisamente contenti di conoscerli: ci siamo trovati molto bene, prima di tutto umanamente parlando.
Fin da subito si è instaurato un bel dialogo, Gianluca e Lorenzo sono due persone molto attente e disponibili, decisamente affabili, e questo è stato fondamentale per iniziare.
Lo dimostra il fatto che abbiamo già registrato il primo pezzo del nuovo corso dei FermoImmagine: La Gabbia.
E' stata presa l'idea iniziale del brano, è stato rifatto tutto cercando di mantenere l'intenzione del pezzo.
La differenza c'è, e si sente tutta.
In questi giorni sto riascoltando La Gabbia più volte per metabolizzare questo cambiamento così importante.
E' stato tutto così veloce ed estremamente efficace, non avrei mai creduto.
Siamo rimasti davvero colpiti dalla professionalità di Lorenzo e Gianluca, avevano detto che il loro compito era migliorare il progetto FermoImmagine senza snaturarlo o stravolgerlo.
Bene, lo posso dire tranquillamente: con La Gabbia ci sono riusciti alla grande.
Siamo sinceramente contenti di come sia partita questa nuova collaborazione, evidentemente era il momento giusto ... (Nife)

gianluca_lorenzo

 

14/07/2013 - Estate, pioggia, rinvii e chi lo sa...

Questa è proprio una strana estate.
Siamo già a metà luglio eppure non fa ancora il caldo torrido a cui siamo abituati da diversi anni.
Ha piovuto per tutto maggio, ha continuato a piovere anche a giugno, ha fatto un caldo improvviso per qualche giorno e sembrava fosse arrivata l'estate...
E invece no.
Ha piovuto ancora, e ogni tanto c'è il sole.
E' un'estate che ancora non ingrana: anche in questo caso è colpa della crisi?
Mah...
Di sicuro questa insicurezza legata non solo alla crisi ma anche al clima influenza concerti, mostre, incontri, eventi culturali organizzati di qualsiasi tipo (pochi)...
Ovviamente tutta questa situazione ha avuto ripercussioni anche su noi FermoImmagine.
Domenica 9 giugno dovevamo suonare al Caffé27 di Faenza, ma causa mal tempo e quindi poca gente presente è saltato tutto, la data sarà recuperata più avanti, ancora non sappiamo bene quando; giovedì 27 giugno, in occasione della lezione di Luigi Bertaccini sulle canzoni di protesta, doveva esserci la proiezione del nostro primo video ufficiale "Quello che siamo", ma anche in questo caso la serata è stata spostata al primo di agosto sempre per brutto tempo.
Ma non è tutto.
Il 5 luglio scorso dovevamo suonare a La Fira di Russi, poi ci si è accorti con ritardo che in quella stessa serata c'era la stupidissima "Notte Rosa", per questo motivo si è deciso di fare il concerto più avanti, il rischio che non ci fosse davvero nessuno era troppo alto.
Risultato: abbiamo suonato a febbraio e da allora è andato tutto storto.
Il 2013 è iniziato decisamente male, siamo stati piuttosto sfortunati soprattutto a livello di esibizioni live.
Ma non c'è solo del negativo, anzi: tra fine maggio-inizio giugno sono arrivate altre recensioni positive per il nostro primo disco ufficiale "Foto Ricordo", e questo sottolinea ancora di più il fatto che qualcosa di buono è stato fatto.
Inoltre stanno arrivando alcune proposte di collaborazione da etichette indipendenti: segno che il nostro progetto piace, ci sono ancora ampi margini di miglioramento e alcuni lo hanno capito, c'è interesse a partecipare a questa fase di nostra crescita personale.
Insomma, nonostante l'arrabbiatura per date perse o riinviate del positivo c'é, anche se qualcosa è andato storto stiamo cominciando a prenderla con più filosofia.
Forse quello che ci è capitato ultimamente non è un caso, è il segnale che probabilmente dobbiamo lavorare più su noi stessi e su pezzi nuovi.
Ed è quello che stiamo facendo: continuiamo a lavorare, abbiamo già 4 brani inediti, ed altri ne ho in mente; stiamo valutando anche le prossime collaborazioni, soprattutto a livello di consulenza tecnica e registrazione per lavorare su un prossimo ed eventuale disco.
Di cose da fare ce ne sono eccome... (Nife)

 

25/04/2013 - Resistenza... e novità?

Giorno della Liberazione, 25 aprile.
Proprio da qui è cominciato il mio personale percorso artistico come musicante e cantante.
E allora tanti ricordi tornano alla mente, l'emozione della prima volta su un palco davanti ad un pubblico.
Cantai piuttosto male, insicuro e piuttosto in ansia.
Ma già allora ero determinato su cosa fare, e tutt'ora questa convinzione che sento fortemente mi spinge a continuare a suonare, a migliorare sempre, a crescere.
E resistere.
Una parola più che mai attuale che non mi stancherò ma di ricordare e ripetere.
Perchè ancora adesso resistiamo, nonostante sia così difficile fare qualsiasi cosa in questa povera patria, come diceva e dice ancora il grandissimo Battiato.
Continuiamo a suonare e a provare, nuove canzoni sono in arrivo, e ci aspettiamo un ulteriore passo avanti per il progetto FermoImmagine.
E' un periodo difficile davvero per tutti, nessuno escluso, e trovare situazioni interessanti dove poter far sentire la propria musica è sempre più complicato.
Non ci fermiamo, approfittiamo di questo momento di stasi per lavorare su noi stessi, sulle nostre capacità, e soprattutto per creare un nuovo repertorio di canzoni, abbiamo bisogno di rinnovarci.
Che cosa è successo in questi ultimi mesi dopo l'ultima data al Gamba Sette di Ravenna?
C'è stata l'uscita del primo video ufficiale dei FermoImmagine, girato sulle note del singolo "Quello che siamo", regia di Nicolas Xabaras Galeotti.
Bellissima esperienza e ottimo risultato ottenuto, considerati i tempi in cui è stato girato e realizzato.
Credo riesca a cogliere pienamente lo spirito del pezzo, è proprio quello che mancava per completare il nostro primo singolo di apertura del disco "Foto Ricordo", uscito ormai un anno fa.
Ringraziamo tutti quelli che hanno apprezzato e continuano a visionare il nostro video, e con Nicolas il discorso non finisce qui, almeno questo è quello che ci auguriamo.
Attualmente stiamo aspettando diverse conferme, forse altre recensioni e sicuramente nuove date in arrivo.
Continuiamo ad essere ottimisti e contiamo quanto prima di tornare a suonare per voi, siete avvertiti... (Nife)

 

01/01/2013 - Anno nuovo... vita nuova?

E' il primo giorno del nuovo anno e i FermoImmagine sono ancora qui, più vivi che mai!!!
Passano gli anni, tanti i concerti fatti, le difficoltà incontrate, le persone conosciute, tante le belle parole spese per il nostro progetto, e anche qualche stroncatura...
Ma siamo ancora qui, con la passione di sempre e con ancora molto da dire, da cambiare e sperimentare.
Posso fare un bilancio piuttosto positivo dello scorso anno: siamo usciti con il nostro primo disco ufficiale "Foto Ricordo", un traguardo importante per noi che con questo nome suoniamo da 8 anni, senza l'appoggio di nessuna etichetta o distribuzione, totalmente indipendenti, tutto sempre e solo ottenuto con le nostre forze e magari con l'aiuto di qualche compagno di viaggio (Francesco Minotti, Capannone Records).
Come già accennato all'inizio di questo post abbiamo ottenuto tanti pareri positivi, addirittura qualche recensione davvero entusiasta del nostro primo lavoro in studio; c'è stato anche chi ha apprezzato "Foto Ricordo" facendo qualche critica costruttiva e condivisibile; di fatto c'è stata solo una vera e propria stroncatura...
Che dire?
Direi un bilancio più che positivo che ci fa ben sperare per il futuro, perchè ancora non siamo stanchi e continuiamo a guardare avanti.
"Foto Ricordo" è il nostro primo disco, con tutti i pregi e difetti dell'opera prima, ed è servito a farci comprendere meglio il nostro progetto, cosa va bene e cosa di deve ancora migliorare.
Non avevamo certo una squadra di musicisti/produttori al nostro servizio, e credo che dobbiamo essere fieri di quello che siamo riusciti ad ottenere.
Siamo ancora impegnati a portare in giro la musica di "Foto ricordo", ma già si pensa a come si potrebbe lavorare ad un altro eventuale disco, il secondo per noi.
E' ancora prematuro, ma sicuramente lavoreremo in maniera diversa, coinvolgere altre e più persone, porre maggiore attenzione su alcuni aspetti che forse abbiamo trascurato.
Sì, questa credo sia la strada giusta da seguire, una nostra eventuale seconda opera dev'essere necessariamente diversa, adesso abbiamo più esperienza e siamo più consci su cosa vuol dire fare un disco.
La cosa che mi preme di più è trovare i partner giusti, persone davvero interessate a portare avanti e promuovere la nostra musica, e credo che qualcosa si stia muovendo in questo senso...
Nello scorso anno ci sono stati momenti davvero belli, in particolare ne voglio ricordare due: il concerto del 25 aprile al Mataluna insieme a Roberto Laghi e Naima, vecchi compagni di musica, un bel reading e voce stupenda ad accompagnare il nostro personale ricordo di questo giorno così importante per la storia del nostro paese; la data del 14 settembre al Mysticase 2012, e di questo dobbiamo ringraziare Luigi Bertaccini ed e20romagna.it per averci dato fiducia e soprattutto l'occasione di suonare sul bellissmo palco del Boca Barranca.
Approfitto per ringraziare Francesco Minotti del Capannone Records, che senza il suo lavoro, competenza e disponibilità non saremmo mai riusciti a realizzare "Foto Ricordo".
Ringrazio in anticipo Nicolas di Ambientarti.it perchè è stato sempre un nostro convinto sostenitore, e presto si farà qualcosa insieme...
Voglio ringraziare tutte quelle persone che ancora ci seguono e credono in noi, faremo sempre del nostro meglio, su questo potete stare tranquilli... (Nife)

 

19/08/2012 - Estate, prossimi concerti e riflessioni...

Siamo ormai nella fase finale di questa caldissima estate: temperature che si avvicinano sempre di più ai 40 gradi, non piove da tantissimo tempo, e proprio in questi giorni sono ritornato da una settimana passata fuori casa.
Ne avevo bisogno, ho staccato un po' la spina da tutto, mi sono rilassato e divertito, e ho pensato a quello che è successo in questi ultimi mesi.
"Foto Ricordo", il primo disco ufficiale dei FermoImmagine, è uscito ormai da cinque mesi e sta raccogliendo pareri e recensioni discordanti tra loro.
Un po' me lo aspettavo, quando metti qualcosa di veramente tuo a disposizione di tutti può capitare di sentire davvero qualsiasi cosa, fa parte del gioco e non sono stupito più di tanto.
Forse pensavo (e speravo) di raccogliere qualcosa in più: il progetto FermoImmagine esiste da più di sette anni, a questo disco abbiamo lavorato molto, e credo anche piuttosto bene.
C'è da dire che è il primo cd, con tutti i pregi e difetti di "opera prima": abbiamo già una buona esperienza a livello di live e concerti, ma mettere su disco i brani che suoni da sempre è un'altra storia.
"Foto Ricordo" è il sunto di quello che abbiamo fatto in questi anni, sicuramente è servito per capire e per capirci meglio, per renderci conto cosa funziona a cosa no, e soprattutto che si può e si deve migliorare ancora.
Perchè fare un disco non è un punto di arrivo ma un nuovo inizio.
Credo che "Foto Ricordo" rappresenti proprio questo: la fine di una fase, e nello stesso tempo deve dare gli spunti giusti per l'inizio di una nuova stagione.
Il disco è stato un bel passo, l'ho detto nei mesi scorsi e lo ribadisco, ma sto già pensando alle prossime mosse.
Ci sono tanti cambiamenti che si possono fare, alcuni potrebbero anche essere più radicali di quelli fatti finora, forse bisogna osare un po' di più...
Con "Foto Ricordo" si è scelto di non stravolgere le canzoni, di presentare il progetto FermoImmagine così com'é, nel bene e nel male.
Credo sia stata la scelta giusta, è la fotografia di quello che siamo stati fino a questo momento.
Ma adesso qualcosa cambierà, e cresceremo ancora, ne sono convinto.
Vedremo quali migliorie apportare ai FermoImmagine, intanto raccogliamo quello che di positivo ci sta regalando "Foto Ricordo": l'affetto di chi ci ha sempre sostenuto, l'approvazione e la scoperta di nuovi fan, la critica costruttiva di chi ci ha sempre seguito e solo ora ci sta scoprendo.
Senza dimenticare le prossime date in arrivo.
La prossima sarà il 30 agosto, suoneremo al Flyin'Donkey Pub a San Mauro Pascoli, posto molto carino ed accogliente, l'anno scorso ci siamo trovati decisamente bene e siamo contenti di ritornarci.
Da non perdere sarà la data del 14 settembre al Boca Barranca di Marina Romea, suoneremo in occasione del MYSTICASE 2012, ci saranno anche i Santo Barbaro.
Insomma, tante novità sono in arrivo e altre ce ne saranno ancora, non ci fermiamo qui... (Nife)

 

10/05/2012 - Disco ufficiale e 25 di aprile...

Finalmente posso dirlo: "Foto Ricordo" il primo disco ufficiale dei FermoImmagine è disponibile!
Dopo diversi mesi in cui ho parlato della sua preparazione, di riinvii, di possibilità e di uscite imminenti finalmente è qui tra le mie mani.
Sono soddisfatto del risultato finale, non potete immaginare la curiosità e la fretta di aprire il primo scatolone con dentro i nostri cd, era il 20 di aprile, credo me le ricorderò per molto tempo le emozioni che ho provato quella mattina...
Aspettavo questo momento già da tanto tempo, sapevo che era tutto pronto, stampato e imbustato, non sapevo niente di com'era stato realizzato il tutto, e speravo di aver ottenuto quello che avevo pensato nella mia testa.
E così è stato.
La grafica che avevo immaginato la vedo ora concretizzata e confezionata in un bel cd, un disco che riassume la musica che ho ascoltato, composto e suonato negli ultimi 14 anni di vita.
Forse non ci cambierà la vita ma per noi e soprattutto per me significa davvero tanto essere arrivato a questo risultato, davvero una grandissima emozione.
Ascoltare "Foto Ricordo" ora mi da strane sensazioni ma devo dire che più lo sento e più mi piace, mi convince da tutti i punti di vista, non credo che avrei potuto fare di meglio.
Come dire :"ecco questi siamo noi, questo sono io, questo è quello che sappiamo fare e che so fare, nel bene e nel male, che via piaccia oppure no...".
Non so se convincerà critici, addetti del settore, venditori, ascoltatori casuali, amici e non, parenti e frequentatori del web...
Ma a questo punto non importa, quello che è fatto è fatto, e comunque vada è un grande passo per noi FermoImmagine.
E' importante ricordare l'ultima data del 25 aprile al Mataluna.
Un esperimento improvvisato in pochi giorni ma ben riuscito, coinvolgente anche per la partecipazione di Roberto Laghi e Naima.
Perchè non è stato il solito concerto ma più una performance con tanto di lettura e immagini.
Volevo ricordare al meglio il giorno della Liberazione, proprio in questo anniversario ho suonato per la prima volta in vita mia, da quel lontano 25 aprile del 1998 è iniziata la mia carriera musicale, se così vogliamo chiamarla.
Per questo al Mataluna è stato presentato un vero e proprio spettacolo intitolato "Presente, no future... Resistenza!".
La scaletta era composta dai brani del nostro primo disco ufficiale "Foto Ricordo", alternati da pezzi del racconto di Roberto Laghi "In fuga", alcune parti suonate con sola voce e chitarra acustica senza nessun tipo di amplificazione, e immagini della Resistenza Partigiana proiettate durante tutta l'esibizione.
E come dimenticare l'importante apporto di Naima, voce femminile presente anche in tre brani del nostro primo disco.
Davvero bella serata, la saletta era piena di amici e curiosi, si respirava una bella atmosfera, del resto ci sentiamo sempre a casa nostra quando suoniamo al Mataluna.
Credo sia piaciuto a tutti, per questo verrà riproposto, almeno questo è quello che spero... (Nife)

 

21/02/2012 - Copertina disco e prossimi concerti...

copertina disco fermoimmagine small

Ormai ci siamo.
Manca davvero pochissimo all'uscita del nostro primo disco ufficiale.
"Foto Ricordo" racchiude pezzi provati e suonati in anni di prove e concerti, rivisti e rielaborati da Francesco Checco Minotti del Capannone Records.
Siamo molto soddisfatti del risultato finale, è un buon lavoro, curato e ben fatto, e crediamo che non passerà inosservato, almeno questo è quello che speriamo;-).
Proprio l'altra sera abbiamo avuto occasione di presentare in anteprima assoluta i pezzi di "Foto Ricordo" allo Zammù di Bologna.
Bellissima serata in compagnia di amici, è andato tutto bene, e non è mancata la giusta attenzione da parte di chi non ci conosceva.
Insomma, possiamo dire che l'inizio è stato decisamente buono e promettente.
Sono in arrivo altre date: se non cambia nulla la prossima presentazione ed esibizione si terrà il 4 aprile al Mataluna a Rossetta di Bagnacavallo, avremo già il disco pronto e stampato, e non sarà il classico live, vedremo cosa riusciremo ad inventare;-).
E ovviamente altre collaborazioni sono in arrivo, siete avvisati... (Nife)

 

20/10/2011 - Il master del disco...

master 20-10-11

Finalmente è pronto il master del nostro primo disco ufficiale.
E' passato circa un anno da quando abbiamo cominciato ed ora mi ritrovo questo cd tra le mani, un desiderio che dopo anni di concerti, progetti, sogni e speranze si concretizza.
Sia io che Mirko non possiamo far altro che ringraziare Francesco Checco Minotti del Capannone Records per l'ottimo lavoro svolto e per il risultato finale conseguito.
La disponibiltà, attenzione e preparazione tecnica dimostrate hanno fatto davvero la differenza, e portato ad un punto di svolta per noi e la nostra musica.
Voglio ringraziare personalmente Naima e Gioia, due bravissime cantanti che hanno contribuito ad arricchire con le loro voci il sound dei FermoImmagine.
Ma non è finita.
Sono occupato con la realizzazione della copertina del disco e relativa grafica.
Quanto prima pubblicherò qualcosa online. (Nife)

 

24/07/2011 - Estate e ultime registrazioni...

E' passato molto tempo dall'ultima volta che ho scritto qualcosa sul diario dei FermoImmagine.
E' una tranquilla domenica di luglio, ma potrebbe sembrare una giornata di tardo autunno: tira vento, è nuvoloso, fa freddo, ogni tanto fa qualche goccia d'acqua, insomma niente a che fare con il caldo insopportabile e le cicale di questa stagione.
Abbiamo praticamente finito di registrare tutto, ci manca solo la voce femminile in una canzone, ma direi che oramai ci siamo.
Qualche giorno fa siamo andati alla Capannone Records dal bravissimo Checco, e con Naima abbiamo registrato la sua voce in tre canzoni da lei scelte: soddisfazione da parte di tutti per il risultato finale.
Naima oltre che essere una nostra grande amica è una bravissima cantante, dalla voce potente e allo stesso tempo delicata e raffinata, e soprattutto un vero animale da palcoscenico, me la ricordo ancora quando cantava nei Gabaergica: da sola riusciva a catturare tutta l'attenzione.
Le cose sono cambiate molto da allora, un po'per tutti a dire il vero, ma lo spirito e sempre lo stesso, e credo si sia divertita e che sia soddisfatta di quello che abbiamo registrato.
Le abbiamo fatto sentire in anteprima i brani nuovi che finora non sono stati suonati dal vivo e credo le siano piaciuti sul serio, ha detto che li trova più maturi rispetto alle prime canzoni dei FermoImmagine, è di sicuro il miglior complimento che ci potesse fare.
A questo punto Checco ci preparerà un primo CD di prova con tutti i brani registrati, avremo due settimane per ascoltarlo e valutare cosa va bene e cosa no.
E quando Checco rientrerà dalla ferie sarà pronto per approntare le ultime modifiche prima della chiusura finale del disco.
Sono davvero ottimista e attendo con impazienza di sentire il risultato finale, completo di tutte le tracce.
Nota dolente di queste ultime settimane di luglio: anche quest'anno non siamo potuti andare ad Arzibanda, per motivi di lavoro e di salute.
E' una bellissima manifestazione che abbiamo avuto modo di conoscere molto bene, partecipammo alla prima edizione di Arzisona vincendo e suonando in un contesto bellissimo con tanta bella gente, piena di calore, voglia di ascoltare e divertirsi.
I FermoImmagine torneranno ad Arzibanda prima o poi... (Nife)

 

28/04/2011 - Concerti, disco e anniversari...

Anche quest'anno il 25 aprile è passato, Festa della Liberazione, un giorno a me particolarmente caro, esattamente 13 anni fa cominciai a suonare.
Da lì tutto è cambiato, e se i FermoImmagine esistono è proprio grazie a quella prima esibizione degli "AltroCanto - memoria, suoni, azioni contemporanei" con lo spettacolo musical-teatrale "Quando dici che finirà, patriota?".
Non credo di essere un nostalgico, semplicemente mi piace sempre ricordare da dove vengo, come ho cominciato e con quale entusiasmo; mi serve per capire cosa sto facendo e dove sto andando...
Attualmente non abbiamo concerti in programma ma va bene così, dobbiamo concentrarci sulla realizzazione degli ultimi due brani del disco che stiamo finendo di registrare, ormai manca davvero poco.
Nove canzoni sono quasi pronte, ci sono da inserire altri due cantati femminili che sicuramente daranno una maggiore ricchezza e completezza al suono dei FermoImmagine.
Andiamo avanti a periodi, passano diverse settimane in cui non abbiamo alcun contatto con Checco, il mitico fonico della Capannone Records che ci sta registrando; in altri momenti ci sentiamo con più frequenza, sicuramente il lavoro su questo disco è stato diluito moltissimo nei mesi scorsi, il tempo libero a nostra disposizione è davvero pochissimo.
Ma i risultati mi sembrano ottimi, e c'è ancora tanto da fare: preparare la grafica del disco e la sua relativa stampa, provare i pezzi nuovi con suoni nuovi e soprattutto pensare all'evento di presentazione che a questo punto si farà dopo l'estate.
Nei prossimi mesi non credo suoneremo tanto, forse non suoneremo affatto, dobbiamo concentrarci sul concerto più importante di quest'anno, e forse di tutta la mia umile carriera di musicante.
Dopo diversi anni e tanti sforzi usciamo con un disco totalmente nostro, spero davvero in una buona riuscita del tutto, e cercherò di coinvolgere le persone a me più care in primis, e tanti addetti ai lavori.
Avremo bisogno dell'aiuto di tutti... (Nife)

 

19/01/2011 - Sette anni di vita...

Rieccomi nuovamente qui a riaggiornare il nostro diario, lasciato in sospeso forse per troppo tempo.
Stavo facendo proprio ora il conto degli anni passati e mi accorgo soltanto adesso che il 2011 è il settimo anno di vita per i FermoImmagine.
I progetti precedenti hanno avuto una durata massima di un paio di anni, poi si era costretti a ricominciare da capo.
Per i FermoImmagine é stato diverso fin da subito.
Si è cominciato con molta fatica, da zero, eravamo solo io e il buon vecchio Mirko, non avevamo impianto di amplificazione e una sala prove vera, non avevamo più l'elettronica che fino a qualche mese prima eravamo abituati a sentire durante i nostri concerti.
Solo una voce, una chitarra elettrica, un basso elettrico, e abbiamo ripreso a suonare nella bellissima casetta di campagna di Mirko, senza riscaldamento ma con tanta dedizione e determinazione.
Diverse persone inserite nell'organico ma nulla, non si riusciva a decollare, poi ho ricominciato a elaborare le prime basi elettroniche al computer, dopo tante prove fatte avevo trovato la giusta strada.
E finalmente solo nel 2005 il nostro primo concerto, grazie anche all'appoggio di Morloi, che in quel momento era tornato nel faentino.
E' arrivata pura la nostra carissima Silvia, una giovane e bravissima pianista, gran talento.
Partiti alla grande, magari ancora con un po'di confusione ma con tanto entusiasmo, fin da subito ci siamo divertiti.
Poi, rimasti nuovamente io e Mirko, si è lavorato in maniera più dettagliata sull'elettronica, sulla ritmica ancora troppo debole e soprattutto su un miglior equilibrio tra strumenti ed elettronica.
Abbiamo fatto diverse date, alcune fortune, altre meno, ci ricordiamo di momenti divertenti, memorabili o da dimenticare ma tutto è servito per arrivare al nostro primo demo ufficiale del 2008, registrato al Capannone Records del grandissimo Francesco Checco Minotti.
E finalmente dopo tanta gavetta ci apprestiamo ad uscire con il nostro primo disco ufficiale, probabilmente verso la fine del 2011.
C'é stato un momento in cui credevo non avrei più suonato e fatto concerti live, non pensavo sarei riuscito a portare avanti un progetto impegnativo come quello dei FermoImmagine.
Ed invece eccomi qui, che mi appresto insieme a Mirko ad effettuare questo importante passo.
Forse non cambierà nulla, ma almeno potrò dire di aver fatto quello che desideravo.
A volte penso che si poteva raccogliere molto di più, che non siamo mai riusciti a fare il salto di qualità, quello vero.
Ma tutto questo lo abbiamo ottenuto con il pochissimo tempo libero a nostra disposizione, e ci siamo arrangiati sempre da soli, soprattuto a livello tecnico.
E siamo consapevoli del fatto che abbiamo scelto la strada più difficile da percorrere, se ancora non ci siamo stancati un motivo ci sarà... (Nife)

 

10/10/2010 - Registrazioni autunnali...

Ebbene sì, finalmente martedì scorso abbiamo iniziato le registrazioni del nostro primo disco ufficiale.
Era già diverso tempo che avevo annunciato questo grande passo, davvero importante per noi. Purtroppo per i tanti impegni personali siamo stati costretti a rimandare la cosa.
Ora che abbiamo cominciato spero procederemo a passo più spedito, anche se qualche pausa sarà inevitabile, siamo molto impegnati e tutto il lavoro verrà fatto nel poco tempo libero a nostra disposizione.
Vorrei prima di tutto sottolineare la bravura di Mirko Mrk Ravaioli: abbiamo registrato il giro di basso di ben 5 pezzi dei FermoImmagine, tutto "buona la prima".
Mirko è stato molto preciso e concentrato, non abbiamo rifatto nulla più di una volta, già tanto lavoro in così poco tempo era il meglio che si potesse ottenere.
La prossima settimana oltre a continuare con le parti di basso cominceremo con la chitarra e la voce, e qui entra in gioco il sottoscritto, spero di essere all'altezza del buon vecchio Mrk;-).
Sono ottimista sulle prossime registrazioni, già i primi ascolti sono ottimi, e come avevo detto in passato Checco della Capannone Records ha fatto un ottimo lavoro su molte delle basi elettroniche che gli avevo lasciato da sistemare.
Abbiamo appena cominciato, ci aspetta tanto lavoro ma la cosa non mi turba affatto, anzi;-).
Probabilmente coinvolgeremo vari amici nella registrazione di questo disco: musicisti che in passato hanno condiviso con noi palchi, situazioni intese, divertenti o poco fortunate... o semplicemente ci piace l'idea di realizzare qualcosa con belle persone, è sicuramente questa una buona occasione.
Credo molto nelle collaborazioni, possono dare quel qualcosa in più al progetto FermoImmagine.
Date e concerti live?
Per ora nulla, ma ho ricevuto diverse risposte positive, c'è curiosità sulla nostra musica, e chissà che entro poco non si torni a suonare davanti a un bel pubblico... (Nife)

 

19/08/2010 - Ferie e fine estate...

Sono in ferie, finalmente dopo tanto tempo.
E' un agosto piuttosto fresco quello che accompagna questi giorni di riposo, e intanto approfitto per aggiornare il nostro diario, fermo da un po' di tempo.
E' un'estate decisamente tranquilla per i FermoImmagine: solamente due live, e non credo ne arriveranno più, si pensa già al prossimo autunno-inverno, sperando di avere più fortuna.
Non può andare sempre bene, e comunque avevo già detto che ci saremmo concentrati maggiormente sulla realizzazione del nostro primo disco ufficiale.
Per ora è stato fatto solo qualche piccolo lavoro di preparazione.
E' proprio in questi giorni che cominceremo effettivamente, entro questo fine settimana incontrerò Checco della Capannone Records.
Avremo molto da dirci, dobbiamo organizzarci per bene, e soprattutto non vedo l'ora di ascoltare le prime modificate fatte a 6 basi elettroniche che gli ho accuratamente preparato.
Mi aspetto grandi cose, sono decisamente ottimista e la mia curiosità cresce di giorno in giorno.
Credo che le direttive di lavoro saranno principalmente queste: ritmiche più incisive ed efficaci, maggiore dinamicità delle canzoni, meno staticità armonica, più spinta ai ritornelli e quindi più apertura dei brani stessi, nuovi inserimenti strumentali, un accorciamento generale di tutte le tracce, un miglioramento e arricchimento del cantato... e sicuramente altro ancora;-).
E' solo l'inizio, e credo anche che sarà un lavoro molto lungo e faticoso...
Per il resto che dire?
Oltre a cercare nuove date per i FermoImmagine mi sto concentrando sulla realizzazione di "La Fine" e "Due Fragilità", le ultime due canzoni di mia creazione.
"La Fine" è a buon punto ormai: base elettronica più che definita, testo e cantanto provato ormai a sufficienza. Resta solo la parte di chitarra che sto provando proprio in questi giorni, alla fine mancherà il basso che è da fare del tutto con il buon vecchio Mrk.
"Due fragilità" è ancora in alto mare: parte elettronica appena abbozzata, come pure il testo e la chitarra; delle parti di basso e cantato non è stato fatto ancora nulla, ma spero che il tutto prenda un'accellerata decisiva.
Che dire, tanto lavoro da fare, e nonostante ciò conto di riposarmi... (Nife)

 

13/06/2010 - Estate, incontri inaspettati e riflessioni...

E' domenica, ormai siamo in estate, il caldo si fa sentire e approfitto per aggiornare questo nostro diario di viaggio.
Alcune cose sono successe dall'ultima volta che avevo scritto: sabato scorso abbiamo suonato alla Taverna Bukowski, era già diverso tempo che li contattavo e finalmente la mia perseveranza è stata premiata.
Devo sottolineare che siamo stati accolti nel migliore dei modi: l'impianto era già presente sul posto, abbiamo avuto un fonico che ci ha seguito per quanto riguarda i suoni, abbiamo avuto da bere e da mangiare, ci sono stati un bel giro di persone e pubblico, senza dimenticare il buon compenso finale;-).
Personalmente potevo suonare meglio, ma questo capita, e comunque è stata una bella serata per i FermoImmagine.
La cosa che non mi aspettavo era di rivedere persone che non sentivo e frequentavo da molto tempo, e tutte insieme nello stesso posto. Sensazione davvero strana, era come se il tempo si fosse fermato a qualche anno fa, quando ci si vedeva regolarmente e si facevano tante cose insieme. E' proprio vero, possono passare tanti anni ma alcune persone le ritrovi sempre uguali, in senso positivo... come dire che l'intesa e l'affinità rimangono sempre le stesse.
E ora cosa ci aspetta?
Forse altre date estive in arrivo, forse no, non ci sono certezze.
Sicuramente la voglia di suonare è sempre molta, le novità a livello di strumentazione e canzoni ci sono, alla taverna abbiamo suonato per la prima volta "l'attesa", buon esordio, anche se ci sono alcune cose da sistemare.
Intanto la lavorazione sotterranea al nostro disco prosegue, Checco si è concentrato sulla parte elettronica delle canzoni, in particolare sulle basi, le sta smontando e rimontando, rafforzando la parte ritmica, sono davvero curioso del risultato finale.
Presto ci incontreremo per valutare come muoverci e passare alla fase successiva.
E' un bel periodo, pieno di impegni, di prospettive e di cose da fare, ci sono belle presenze intorno al progetto FermoImmagine, e questo aiuta davvero tanto.
Sto ascoltando "Melody A.M." dei Royksopp, vecchio album piuttosto minimale, calmo, lento, quasi lounge... mi piace, rilassa moltissimo, e si sposa benissimo con questa calda domenica di giugno... (Nife)

 
 


- Ultimi aggiornamenti nelle sezioni "concerti" e cartaceo: 18/06/2017 - Privacy e cookie policy